Semplice

Pubblicato: 27 giugno 2018 in Uncategorized

Che è pure semplice.Sui bastardi che lucrano sull’accoglienza e sul traffico di uomini bisogna intervenire pesantemente.

Di qualsiasi nazionalità siano e in qualsiasi luogo.

Tutti d’accordo?

Vale per le ONG criminali, se si dimostra che lo sono.

Vale per le coop truffaldine, se si dimostra che lo sono.

Vale per i trafficanti libici, se si dimostra che lo sono.
Quindi i campi di sterminio in Libia vanno chiusi con la forza.

Nessun uomo va consegnato alle autorità libiche che non sono in grado di controllare nulla.

Tutti i migranti vanno il prima possibile assistiti facendoli sbarcare nel primo porto più sicuro. E quindi europeo.

Chi arriva in Italia arriva in Europa. Chi in Europa non vuole cooperare non può stare in Europa.

L’Europa deve approntare politiche che prevedano di eradicare le cause della povertà in Africa.

I confini Europei vanno estesi in tutto il nordafrica.

L’Intero Mediterraneo è Europa.

In Europa è vietata la guerra perché esiste solo lo stato di diritto. Laico. Perché siamo tante culture mescolate.
A me sembra semplice.

Non facile.

Semplice.

Annunci

Giuseppe Genna

Se c’è un’esperienza frustrante, in questi mesi, capace di aggiungersi all’angoscia per la deriva sempiternamente fascista del Paese, è il mutismo che il principale partito progressista oppone a uno stato di devastazione senza precedenti delle sue idealità, del consenso che ottiene, della sua organizzazione, delle persone che rappresentano tutto ciò. I notabili di questo partito non sono in grado di offrire una risposta né alla realtà né alla domanda di senso e di intervento, che proviene dalla quasi totalità di chi ancora ritiene che rappresenti una scelta politica per modellare il presente e il futuro di una comunità almeno nazionale – perché in effetti il discorso dovrebbe essere internazionale. Credo che a questo punto si possa e si debba avanzare un’OPA dall’esterno. Se finora non si è riusciti a spalancare questa formazione autoriferita, pavida, votata al timore di pestare i piedi alle élite e alle tecnocrazie, è colpa anche di…

View original post 561 altre parole

Turismo Umanitario

Pubblicato: 26 giugno 2018 in Uncategorized

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/libia-inferno-un-milione-profughi-intrappolati

Avvenire, organo ufficiale della corrente buonista del partito comunista leninista operaio per l’egemonia sulla terra e su Marte.
Un reportage che descrive i resort in Libia. In breve, i migranti leggermente accaldati per il viaggio sui mezzi africani (non so se sapete che le autolinee nigeriane hanno condizionatori di vecchia generazione) vengono accolti con un cocktail di benvenuto alla papaya.
Dopo le procedure di check-in viene assegnata loro una stanza che purtroppo spesso e doppia, viste le richieste in alta stagione. Solo poi il cinquanta per cento delle sistemazioni ha il bagno privato in camera. Con l’aiuto dell’Italia si pensa comunque di adeguare le strutture ricettive nel giro di un anno, massimo sue. Nel progetto sono stati coinvolti gli esperti del club Med e una delegazione direttamente da Masterchef per la ristorazione.
Il governo libico tiene infatti molto all’alimentazione e raccomanda in questo periodo di bere molta acqua, preferire la frutta di stagione ed evitare le ore più calde.
Gli ospiti dopo avere effettuato le procedure di pagamento delle crociere, secondo il metodo più congeniale, devono ahimè attendere lunghi periodi la disponibilità di cabine sulle navi in servizio nel mar Mediterraneo. La cantieristica non ha infatti potuto farsi trovare preparata alla richiesta di turismo umanitario e le attese possono arrivare anche ai due anni.
Dispiace comunque notare la non adeguatezza delle strutture ricreative come campi da tennis, piscine, cinema e teatri che possano aiutare durante il soggiorno. Su questo prima Minniti e ora Salvini hanno espresso il loro rammarico, garantendo un intervento tempestivo da parte dei nostri governi.

Ragazzi leggendo queste pagine mi sono fatto davvero schifo da solo. Siamo tutti complici di un genocidio che sta diventando sempre di più simile a Quello nazista. Simao tutti complici di questo schifo, ogni volta che ci beviamo le fesserie che leggiamo.
Bello pensare ai migranti con la valigetta piena di soldi che attraversano il deserto per pagarsi il biglietto verso l’Italia. Brutto scoprire l’ovvio, ovvero che si tratta di riscatti estorti a intere comunità di amici e parenti.
Bello pensare che la guardia costiera libica abbai salvato quelle ottocento e più persone di cui parla gongolante Salvini sottraendole alle perfide ONG. Di quelle persone rimane probabilmente ben poco. Forse per chi ci crede la loro anima. E spero che da dove sono ci perdonino per tanta ignoranza.
Tutti.
Anche me.

Svacco Creativo Magazine N.3

Pubblicato: 18 giugno 2018 in Uncategorized

E ve l’avevo detto e quindi beccatevi questo numero del magazine più fresco dell’estate 2018.