Formiche per Baricco

Pubblicato: 18 settembre 2021 in Uncategorized

La chiglia che abbiamo costruito

«Stiamo in bilico tra una intelligenza scaduta e un’altra ancora non adulta, che tarda ad arrivare. Anche per questo, oggi, la scelta sul vaccino sta assumendo questi toni drammatici: casca in pieno nel ben mezzo di un solenne crepuscolo degli dei, e diventa così, immediatamente, scena madre di un finale tragico. Difficile mantenere lucidità e misura»

https://www.ilpost.it/2021/09/17/vaccini-green-pass-baricco/

Le formiche Alessandro. Il problema è che non siamo formiche.
Questo virus prospera nelle specie sociali come quella umana. Lascia abbastanza in pace più dell’80% della popolazione. Il resto lo becca forte e una piccola percentuale li porta alla morte. Fossimo formiche o qualche altro animale non ci sarebbe neanche da preoccuparsi tanto. Perdere 10-15% della popolazione non è una grande notizia. Per dire se c’è un telegiornale del formicaio neanche ne parla. Poi alla fine se il problema è più vasto ogni formica ha un protocollo che mette in pratica senza nemmeno pensarci. Il formicaio in quel caso si comporta come un unico organismo e se per bloccare il patogeno si devono sacrificare un milione di formiche, quelle si mettono in fila e vanno a morire per i fatti loro. Non devi fare nessun decreto, la tv delle formiche accenna in un necrologio di un paio di loro più in vista, poi pubblicità e il varietà della sera.
C’è però il fatto che noi umani siamo organizzati per agire contronatura. C’è una bella affermazione di una antropologa che dice che la prima evidenza di civiltà umana è legata alle ossa rotte e sanate negli scheletri fossili. Sì perché secondo natura, se ti rompi un braccio o una gamba, rimani in un posto da solo, non puoi procurarti il cibo e se passa di lì un lupo ti si pappa e amen. Noi invece abbiamo capito che era meglio curarlo il tipo con il braccio rotto, perché il giorno che me lo rompo io quello mi curerà e tutti insieme riusciamo a spuntare un bel po’ di anni in più. Funziona così e abbiamo costruito chiglie e navi bellissime grazie a gente con le braccia riparate dopo una caduta.
Ora questo virus qui, prende una piccola percentuale di umani e gli devasta i polmoni. Solo che piccola percentuale moltiplicata per tanta popolazione continua a fare un sacco di gente. E alla fine non sarebbe neppure questo il problema. Ma che di motivi per avere i polmoni in panne ne esistono tanti altri. Tipo che hai un incidente in auto o che ti viene un accidente. E allora quando di questi polmoni artificiali non ne hai a sufficienza è un guaio.
Questa cosa orrenda del green pass serve a questo e a nient’altro. Visto che nel bene e nel male non siamo formiche e per motivi vari (e per me francamente incomprensibili, ma io nutro dubbi a valanga anche sulle mie scelte) una parte importante della popolazione non vuole seguire il protocollo di comportamento che le evidenze scientifiche hanno dato, cosa deve fare il comandante della nave?
Se non fa niente prima o poi qualcuno dovrà scegliere chi provare a curare e chi lasciar morire. Se limita la nostra socialità devasta l’essenza umana. Se limita la libertà di scelta compie un oltraggio alla democrazia (ma magari convince qualcuno ad accettare il famoso protocollo).
Insomma questa storia qua ci sta spiegando bene che rapportarsi con la complessità della natura (il virus, il cambiamento climatico, l’ingegneria genetica, l’intelligenza artificiale, etc.) pone domande alla nostra democrazia di un livello molto elevato. Tanto elevato che rende insopportabile quello che con colpevole disprezzo chiamiamo ignoranza. Ma che è l’incapacità di vedere almeno una parte della complessità e operare scelte critiche congrue. In questi anni mi pare che tutte le parti politiche hanno sfruttato questa incapacità diffondendola e supportandola. E quindi ora che è controproducente ci viene contro la marea della dittatura sanitaria e amenità varie.
Andare contronatura (si capisce che dieci percento di perdite in una specie pure dominante dal punto di vista della natura è addirittura una roba utile. Fa spazio e toglie vecchi e deboli dalle scatole) necessita di intelligenza diffusa e capace di leggere la complessità di fenomeni per i quali non si può continuare a discutere all’infinito. Se vien giù acqua dal cielo non si può discutere se è vero o se è la signora del secondo piano che innaffia o se l’acqua esiste o se è una simulazione alla matrix. Alla fine abbiamo inventato gli ombrelli per questo.
Solo un appunto al comandate: capisco che nei consigli d’amministrazione funziona così, ma mi permetta di dire che avrebbe dovuto parlare all’equipaggio per dire che questa cosa qui era un oltraggio alle nostre idee di libero arbitrio, che ci piange il cuore e non dormiamo per i dubbi. Ma che con la natura non ci puoi ragionare. E che in fin dei conti è una bella cosa non essere formiche.

🙏 Sayonara

commenti
  1. gaberricci ha detto:

    Sarebbe stato bello anche se il comandante della nave avesse mostrato le prove di quello che sta imponendo ed avesse avuto il coraggio di imporlo davvero, invece di dire che ognuno può fare come gli pare ma per andare in cambusa serve il green pass. E perché? Perché lo dice il nostromo! (O la scienza, che è una delle cose che più usciranno malconce da questa pandemia).

    • Marco Camalleri ha detto:

      Il punto è chiarire il goal. Ridurre al minimo l’impatto sulla sanità soprattutto in termini di ospedalizzazione. Non la diffusione visto che specie con le varianti questo ha una valenza limitata.
      La scienza (che per definizione non fa miracoli ma propone soluzioni) ha dato un metodo. Vaccinare riduce le ospedalizzazioni in maniera evidente.
      La politica deve usare questa indicazione per raggiungere il goal.
      L’obbligo teoricamente è perfetto. Praticamente è da immaginare la scena delle procedure per operare l’obbligo fisicamente su milioni di individui recalcitranti.
      Il green pass è uno strumento grave. E necessita di un grado di riflessione e di rigore politico ormai perso da anni, se c’è mai stato.
      Mi lascia perplesso il modo asettico di operare una limitazione importante.
      E soprattutto la mancanza di riflessione su tematiche globali che minano le basi del presunto pensiero democratico occidentale.

      • gaberricci ha detto:

        Già, ma non è quello che ha detto il governo. Il governo (anzi, i governi) hanno detto che il vaccino è l’arma per sconfiggere il Covid, per altro ripetendo una narrazione guerresca che è odiosa.

      • Marco Camalleri ha detto:

        La comunicazione pro e contro è vomitevole. È parte del problema. E cerca disperatamente di semplificare una situazione complessa.

  2. newwhitebear ha detto:

    Leggo in una tua risposta ‘Il punto è chiarire il goal. Ridurre al minimo l’impatto sulla sanità soprattutto in termini di ospedalizzazione’ Sicuro. L’hai detto tu che piccoli numeri percentuali moltiplicati la popolazione fanno un bel botto.
    Al ritmo di 150 mila positivi al mese – è questa grosso modo adesso il numero – moltiplicati per dieci mesi – da ottobre a maggio – fanno un bel botto.. Se a questi si aggiunge un 5% di persone vaccinate che si beccano il virus fanno un altro bel botto. Ospedali o casa – poca importa – devono essere gestiti ma mi pare che la confusione sia sovrana..
    Il certificato verde non mi dà la patente di immunità ma dice semplicemente che sono stato vaccinato.

  3. tonyborghesi2005 ha detto:

    Le formiche hanno letto il tuo articolo e si sono sentite razza superiore ma siccome razza è politically uncorrect alle formiche è stato inviato un formichiere gigante che ora soffre della propria ingordigia. Sei sempre super Marco. A presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...