Chinese democracy

Pubblicato: 6 luglio 2021 in Complexity first

Chinese Democracy
Foto Flickr: https://flic.kr/p/wzGeCc

Ahi serva Italia Europa, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!

In questo interessante articolo su Singola, Roberto Comandè analizza il sorgere dell’egemonia economica, geopolitica e culturale cinese sulle macerie dell’impero statunitense.
Ciò appare tragicamente in continuità con la religione ufficiale del mondo, il liberismo, che si adatta come un guanto alla gestione da consiglio di amministrazione della politica cinese.
La condizione europea rappresenta per noi suoi abitanti un problema. Occidentali laici ortodossi, professiamo la nostra fede nell’utopia democratica universale.
Dalla provincia genitrice dell’impero USA, invochiamo, con l’ipocrisia di chi in qualche solenne articolo della costituzione ripudia la guerra, l’infusione capillare dei valori della rivoluzione francese a suon di bombe e genocidi.
Da pacifisti convinti crediamo fermamente che a seguito di proditoria aggressione straniera l’impero paternalmente ci debba proteggere.
Sebbene marginali da oltre un secolo, i nostri sacri valori sono infatti il credo fondante della libera civiltà occidentale e per noi anime belle anche antidoto alla barbarie dilagante.
Sia ben chiaro poi che la nostra opinione pubblica odia tutte le armi – tranne quelle che produce e vende sia ben inteso – tanto che i nostri pacifici eserciti supportano con dedizione le campagne di liberazione dell’impero ovunque nel mondo con intenti squisitamente umanitari.
A me tutto ciò sembra la riproposizione della funzione etica del papato. Inutile, ma necessaria per dipingere qualcosa sulle insegne da combattimento degli eserciti di liberazione dell’imperatore.
Eppure il declino dell’utopia democratica a favore del credo liberista fa supporre che presto un novello Metternich (cinese?) possa descrivere l’Europa come una mera espressione geografica.
Niente di strano, la storia si ripete e morto un impero se ne fa un altro. Secoli di egemonia occidentale saranno presto materia ghiotta per gli storici del nuovo impero orientale. E noi europei nella nostra enclave già ci accalchiamo per entrare nelle serre evocate da Žižek nel suo La nuova lotta di classe. Indossiamo con diligenza le nostre mascherine chirurgiche e partecipiamo a tradizionali riti democratici molto fotografati dai turisti asiatici. Un po’ come le processioni dei santi in Italia: ci fosse uno che si ricorda più cosa significassero in origine!

Chiudo con la citazione dal libro di Žižek, che tanto mi risuona con la foto iniziale del post:

«Stati Uniti e Cina rappresentano entrambi, da un punto di vista metafisico, la stessa cosa: la medesima desolante frenesia della tecnica scatenata e dell’organizzazione senza radici dell’uomo massificato». (La nuova lotta di classe– Slavoy Žižek, Ponte alle grazie, 2016, pg. 19)

🙏 Sayonara

Follow me on Telegram: https://t.me/marco_camalleri

commenti
  1. tonyborghesi2005 ha detto:

    Io credo che il partito comunista, al comando con guanto di ferro sulla popolazione cinese, un giorno si sentirà così forte da voler riprendersi Taiwan, per Hong Kong già non c’è più libertà, e ricostituire la Cina di un tempo. Questo scatenerà una guerra, a meno che gli USA, più forti militarmente ma più deboli in politica, non lascino fare. Anche il Giappone sarà minacciato ma da solo non potrà far altro che alzare la voce. L’Europa, starà a guardare pensando che quel conflitto non la riguardi e la Cina, una volta stabilita la sua potenza, farà ulteriori passi avanti nei paesi più poveri, aiutandoli nella strutturazione inviando i propri uomini a costruire (cosa che fanno già ora ma sarà accentuata) istallando così delle basi per una futura cinesizzazione. Ci vorrà del tempo. Forse una cinquantina d’anni ma, se non ci sarà una guerra con conseguenza catastrofiche per il mondo intero, un giorno la politica cinese sarà applicata a tutti gli umani della terra e cioè: fate quello che volete ma non contraddite il Partito. Buona fortuna ai miei posteri. Ne hanno bisogno anche per sopravvivere ai normali cambiamenti ambientali.

  2. newwhitebear ha detto:

    interessante questo pezzo. È da condivere.
    Serena serata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...