Ryanair oh cara

Pubblicato: 22 settembre 2017 in Opinioni

Vi ricordate quando la maestra chiedeva cosa vuoi fare da grande? C’era sempre qualcuno che orgogliosamente diceva: io farò il pilota d’aereo. Molti di noi si indirizzavano invece su un improbabile astronauta, mitologico e reale quanto Paperon de Paperoni. Il pilota no, significava come per il calciatore il desiderio di appartenere a una classe eletta, significava confrontarsi con una remota ma finita probabilità di prestigio, viaggi, mondanità, hostess bellissime, eros da sogno nei bagni stretti dei velivoli tra Bangkok e Londra.Nella vicenda Ryanair si può leggere la dinamica di questi tempi postmoderni. Ciò che chiamiamo classe media, alla quale mi pregio di appartenere, ha mantenuto sino a ora tenori di vita virtuali sposando la filosofia low cost. Ovunque abbiamo merci accessibili, prodotte con ottimizzazioni maniacali, ma soprattutto con processi industriali localizzati dove il costo di fabbricazione risulta tendere a zero.

Di contro la crescita esponenziale dei possibili acquirenti ha incrementato i profitti del famoso 1%: io continuo a chiamarla l’app economy, ovvero perché vendere un prodotto al giorno di qualità a 1000 euro quando nello stesso tempo posso piazzarne 100000 versioni pessime a 1 euro. Soprattutto quando non ho 10 concorrenti che si contendono il mercato del prodotto di qualità, ma un unico gestore che incassa per tutte le vendite dei 100000 gadget.

In questo modo non ci siamo resi conto che non è vero che si possa cenare abitualmente con granchio e salmone, mimandoli con surimi e prodotti di bassissima qualità colorati di rosa chimico. Non è vero che si possa contare su un guardaroba da star, a meno di non abbigliarsi con manifatture infime realizzate da schiavi. Non è vero che siamo in grado di comprare un’auto, ma solo di affittarla da una finanziaria che guadagnerà, e molto bene, sul nostro debito, impiegando un metodo che una volta la classe media accettava solo per importanti investimenti immobiliari: ancora oggi mio padre non capisce perché si paghino le rate per un’auto, non essendo più entrato in un concessionario da decenni. E non parliamo della casa. Possiamo investire però in smartphones a patto di cambiarli molto velocemente e a costi sempre maggiori. E non è neanche vero che possiamo spostarci in aereo quando vogliamo, che in un paese come il sud Italia esista il concetto di mobilità, visto che se togli la possibilità delle low cost possiamo muffire tra le nostre quattro mura a vita. A tal proposito ricordo la proposta imbarazzante di sostituire il ponte crollato per una frana antica come l’autostrada (che poi è una trazzera piena di buche e interruzioni secolari) con un volo Catania Palermo. Centonovanta interminabili chilometri.

Insomma non è vero quasi più nulla con buona pace di una classe politica impegnata a rinfacciarsi gli scontrini, a conteggiare gli indagati della parte avversa e a stilare le classifiche delle nazionalità che vengono per prima nella lista dei benefit, dimenticando di rivelare che l’elenco è desolantemente vuoto.

Non era difficile comprendere che il tutto avrebbe progressivamente creato una divaricazione delle classi sempre più marcata anche a livello geografico. Il sud sta infatti trasferendo la sua classe media verso regioni d’Italia e del mondo dove è ancora possibile la vita biologica che prevede, ahi noi, l’alimentarsi e il riprodursi. Il problema di questa linea Maginot è il suo arretrare continuo, mentre rimane lo stereotipo di se stessa e nulla più. La marea sale, costantemente polarizzata dai flussi migratori interni ed esteri verso le zone rese mitologiche dalla retorica liberista, luoghi dove il munifico mercato, emancipato da lacci e laccioli etici, opera riversando felicità sui suoi fedeli, Atlantide non ancora però ritrovata a leggere bene il labiale degli elettori di Trump.

Così un tempo l’acqua mancava solo nelle periferie sicule del regno, mentre ora la siccità inizia a minacciare le ricche (ancora?) plaghe settentrionali. Alluvioni cittadine, buche, disservizi, tanta roba che fa molto Sicilia anni di piombo, ma declinata con accenti sempre più limitrofi alla Mitteleuropa e avulsi dalle coppole che fanno tanto folclore mediterraneo.

Ma ci attrezzeremo anche per questo, noi terroni raggiungeremo le stazioni dell’alta velocità continentali a bordo degli stessi treni monobinario che prendevo con mio padre: le cuccette di seconda che si abbassavano prima di infilarsi nel ferry-boat, le lenzuola sintetiche e l’odore dei panini con la frittata preparati due ore prima della partenza. E i turni per salire sul ponte, mentre qualcuno restava nelle carrozze spente e arroventate dal caldo soffocante in stiva, perché altrimenti ti fottono le valigie. E sul ponte provare a farsi comprare una arancina e litigare selvaggiamente per il suo sesso. E poi estratti dal carro bestiame galleggiante guardare con l’occhio umido la sponda della nati isola, carezzando in tasca il biglietto della giostra di Italo che ci porterà in alto in alto, ma sempre con i piedi per terra, verso il paese di Bengodi, con i treni veri, a trovare i nostri nipoti con l’accento cambiato, per qualche festa antica ancora comandata.

Forza ragazzi non ci buttiamo a terra, che ha da venì baffone, che quando c’era lui Italo arrivava in orario e che prima o poi la crescita riparte e noi capiremo di avere i capelli bianchi e da sempre sbagliato il colore della tintura.

🙏 Sayonara

Annunci
commenti
  1. gaberricci ha detto:

    Io penso che non recupereremo: la classe media era funzionale al capitalismo consumistico, in cui era necessario che qualcuno comprasse i beni inutili che venivano prodotti dalle industrie. In tempi i in cui questo posto è stato preso dai giovani di ogni classe, che tanto grazie ad Amazon possono comprare tutto (ed infatti alcuni ci fanno pure la spesa), e la maggior parte dei proventi il turbocapitalismo li fa spostando i soldi con un click e vendendo informazioni, a che serve la classe media?

    • Marco Camalleri ha detto:

      La classe media rappresentava e rappresenta uno degli stadi fondamentali del mitologico ascensore sociale. Sono piuttosto d’accordo in questo con te sulla demolizione di questo settore. Ma la conseguenza è la distruzione diun patrimonio culturale condiviso su un numero non banale di.individui. Oggi si è sviluppata una classe simile ai proletari di un tempo. Come li chiamiamo? Clickatari?

  2. newwhitebear ha detto:

    uno sfogo amaro ma giustificatissimo. aspettando Godot, pardon la ripresa, diventiamo tutti vecchi ma rischiano anche di finire sotto terra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...