Il viaggiatore

Pubblicato: 19 marzo 2017 in Micro

Fuori niente luna. Solo buio pesto e un rantolo di vento caldo.
Il viaggiatore prese uno dei vicoli oltre la chiesa e raggiunse l’ostello.
Dentro il vecchio non aspettava più nessuno. Fumava annoiato una vecchia pipa e leggeva un libro logorato dagli anni.
«Volevo fermarmi adesso.»
«Se ti accontenti di quella branda hai voglia.»
Più che un letto era un loculo conficcato proprio sotto le scale. Ma andava bene per quella notte.
Fece segno di sì e poggiò a terra lo zaino.
Poi fece una smorfia, qualcosa di simile a un sorriso.
Il vecchio gli allungò un bicchiere e una bottiglia di rosso. Era tutto quello che aveva.
Rimasero così a tenersi compagnia sino all’alba con racconti di terre apparentemente lontane.
Poi il viaggiatore ripreso lo zaino tornò al suo cammino nell’aria frizzante del giorno nuovo. Il vecchio spense la pipa, forse per sempre.

Annunci
commenti
  1. newwhitebear ha detto:

    bello questo post. Secco e vibrante che trascina il lettore accanto al viaggiatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...