Prospettive

Pubblicato: 31 dicembre 2016 in Delirii

Questo più che una fine è un inizio. Come ogni anno dite? No, questo non è un anno qualsiasi. Questo è un affare diverso, molto diverso. E il motivo è che ho una lista di cose da fare e da cambiare.Già, cambiare. Vedete intorno a me vedo gente – tanta gente – che pensa che tutto debba continuare così. Ineluttabile ripetersi, come se il tempo fosse infinito. Pare che la strada l’abbiano già tracciata, questo pensano e la percorrono srotolandola davanti a me. E urlano che quella è l’unica, come se non ci fosse una scelta.
Ma bisogna guardare i numeri. Quelli non sbagliano e i numeri dicono che inizia un conto alla rovescia, come alla fine dell’anno. Tre, due, uno, stop. Ok, si ricomincia un istante dopo, ma i numeri dicono che esiste la fine e l’inizio. Questo dicono. Per questo ho fatto la lista e ho visto che la corsa inizia a essere inutile. Che poi sarebbe da chiedere verso cosa avete deciso di correre. Perché deve esserci sempre nel nostro sguardo un punto di riferimento. A scuola mi hanno spiegato che si chiama punto di fuga ed è dove tutto un intero panorama si precipita e inconsapevolmente si annichila, muore.
Certo ne hai voglia di considerarti solo l’osservatore estraneo nel tentativo di isolarti dal panorama. La verità è che ci sei dentro fino al collo, attratto vertiginosamente verso quel dannato punto. E allora bisogna metterci la fatica, il lavoro. Bisogna capire se hanno ragione loro o se esiste una via d’uscita, un punto di vera fuga da questo universo. Ecco questo vorrei iniziare, dopo la fine, nell’istante successivo vorrei cambiare rotta, meglio prospettiva. Non penso sarà semplice e a dire il vero non ho neanche un piano, uno stratagemma che mi aiuti a deragliare. Ma attendo l’avvento dell’anno bambino e poi si vedrà.
C’è poi il fatto – ma questa è una coincidenza – che sia un anno antipatico con quel mezzo secolo di vita in ballo. O forse questa è la vera ragione, il motivo vero di questa necessità di cambiare passo. Anche su questo dovrò ragionar di fino e scegliere una rotta. Questo mi aspetta e non sono né felice né contrariato. È un numero e come tutti i numeri non ha un valore universale, essendo relativi alle unità di misura del fenomeno.
Ecco, la novità sta nella prospettiva, nello stare il più possibile fuori dal panorama, per scegliere il punto di fuga invece di essere stancamente risucchiati nella corrente del vostro ineluttabile universo mondo.

Sta nella prospettiva la vita, fatevene una ragione.

Buon anno. 

Annunci
commenti
  1. Antonio Borghesi ha detto:

    La rotta più corta è sempre quella più lunga (Tony the nav)

  2. newwhitebear ha detto:

    I tempi cambiano. Noi invecchiamo di un nuovo anno. Si sono aspettative nuove e e voglia di novità. Ogni inzio anno è sempre così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...