La fine di Jack e altre cose (5)

Pubblicato: 29 maggio 2016 in La fine di Jack

Padre Mariano da mesi soffriva d’insonnia. Nel bel mezzo della notte scattava in piedi con un affanno nel petto, guardava il crocefisso e diceva «cattivi pensieri Signore! Cattivi pensieri!»Era come da ragazzino quando la notte non riusciva a prendere sonno, pensando al giorno che sarebbe crepato. Si vedeva steso impalato, come la vecchia zia Maria con il rosario in mano, e con terrore rifletteva come il suo destino fosse diventare poco più di ossa e polvere, privo di respiro e parola. Già! Lui ricordava quel fiato che faceva fatica a fare il suo giro, come avveniva adesso ogni notte. E ora come allora scattava in piedi cercando nell’ombra qualcuno o qualcosa che lo volesse portare via. Poi guardava il crocifisso e sperava che il patto che avevano fatto lo liberasse da quei pensieri. 

«Cattivi pensieri, Signore!» Sapeva che non c’era verso di riprendere sonno e allora si spostava nello studiolo, così come era vestito, nel pigiamone grigio che usava da una vita. Sceglieva a caso uno dei mille libri riposti sugli scaffali e iniziava a leggere. Le storie, le vite di altri, vere o immaginate, popolavano quelle ore, impregnavano la sua mente e fugavano paure. Erano una brezza, meglio, un vento impetuoso che ripuliva l’aria greve della sua testa. E alle volte, seguendo quelle parole, tornava per qualche momento felice. 

Anche quella notte Padre Mariano era approdato in preda ai suoi pensieri sulla poltrona bordeaux. Aveva scelto la vita di Mozart di Stendhal, ma lo teneva chiuso nella mano destra. In mente il coro del Lacrimosa. Santo cielo, pensava, e se adesso nel cuore della notte, bussasse alla porta il committente del Requiem con la maschera e il mantello scuro? Pensava a queste assurdità e guardava fuori. In fondo alla strada, ma molto in fondo, solo una finestra era illuminata. Qualcuno insonne, come lui. O uno dei bambini di Sara inquieti per una paura improvvisa, la stessa che ricordava, la stessa che gli era rimasta addosso. 

Annunci
commenti
  1. newwhitebear ha detto:

    cambio di scena. Entra in azione padre Mariano, non meno complessato di Eveline e paolo.
    La storia si ingarbuglia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...