Angoli

Pubblicato: 27 agosto 2015 in Arpeggio Libero, Soul food to go

Volevo iniziare a raccontare La nebbia a Edimburgo non c’era abbinando a  ognuno dei diciotto racconti un brano musicale e alcuni pensieri sparsi.
Diciotto! In effetti i racconti dovevano essere diciassette. Poi si sa la scaramanzia! E allora ho inserito questo come apertura. Proprio perché da Angoli è iniziata la collaborazione con Arpeggio Libero che lo ha pubblicato in Piccoli racconti plausibili.
L’angolo del racconto esiste davvero o, meglio, esisteva. Era quello sotto il cartello che indicava il vecchio cinema Eden. Quello destinato all’attesa, all’imminenza di un incontro o di un evento. Da un lato c’era casa, il campetto e la cartoleria. Dall’altro Nostro Padre, l’oratorio e la ferrovia. In mezzo il germogliare di pubertà che implicavano la demolizione degli angoli, la linearizzazione delle scelte.

Così ho trovato Waiting! C’è la chitarra, la calma, un ragazzo e probabilmente i suoi sogni. E dietro, se osservate bene, c’è anche un angolo. Che non è il mio.

Sayonara 🙏

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...