La guerra – Tony Gentile

Pubblicato: 1 aprile 2015 in Libri

Ieri sera ho partecipato alla presentazione di La guerra di Tony Gentile organizzata dalla ACAF qui a Catania. Purtroppo non sono potuto rimanere sino alla fine per acquistare il libro che comunque arriverà da internet spero a breve. 

Devo dirlo non sono un appassionato di fotografia io, amo maggiormente la parola, questo è noto, e ieri sera ero là per ascoltarla questa storia direttamente da Tony. Perché io c’ero nella sua storia, ero nelle strade della Palermo in guerra con le sirene delle scorte che stracciavano l’aria densa, quella cappa dello scirocco palermitano che rende l’aria talmente pesante da impedire il respiro. Ed io ero là e i miei sogni erano là. Se aprite il suo libro si intravedono probabilmente in un qualche sfondo. Davanti, messa bene a fuoco c’era la storia, che occupava violenta le nostre paure. Dietro c’eravamo noi picciuttieddi e i nostri sogni fatti di scirocco e super santos.
Per questo ero là e anche se non lo avevo mai ascoltato parlare, le parole di Gentile descrivono una persona che è rimasta bimbo con quello scirocco addosso e il super santos sotto braccio. Uno che un si nnacchianò, anche se ha inventato l’iconografia di Falcone e Borsellino. Altri due quelli che tra il caldo e il pallone a Piazza Magione avranno visto sullo sfondo di una foto in bianco e nero i loro sogni arrivare dritti dritti addosso come le pallottole di un killer. Ma non si sono canziati, hanno aspettato fermi e in posa che tutta la luce delle esplosioni li investisse per rimanere impressionati sul fotogramma di quel picciuttieddu con un piede sopra il super santos e la macchina fotografica al collo.
PS: del racconto di Enia (Mio padre non ha mai avuto un cane) ne avevo scritto per l’edizione :duepunti e concordo con la scelta. Era la parola che mancava al cane. Quale cane? Ci deve essere un cane tra le foto del libro. Sicuro!
Annunci
commenti
  1. newwhitebear ha detto:

    Le storie si raccontano anche per immagini, se il fotografo riesce a cogliere l’istante, esattamente come il bravo scrittore riesce a cogliere l’attenzione del lettore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...