Tredici

Pubblicato: 22 settembre 2014 in Delirii, Soul food to go

Non posso dire che non lo sapevo.
No!
Ma dare la vita a personaggi di carta ti mette su un sentiero pericoloso.
Molto pericoloso.
Ti mette in mano il vaso di Pandora che piano piano inizi a forzare.
Tu sai che aprire quel tappo ti condurrà dentro te stesso.
Scoprirà nervi e giorni che non riuscirai a reggere.
Ma la carta, anche quella virtuale è una droga.
Una sottile sostanza che ti entra in circolo e non ti lascia mai più.
E così capisci esattamente che la distanza è atlantica e la memoria cattiva e vicina e che Fossati è un altro che è in grado di parlarti di te meglio di te stesso.
E così cerchi su YouTube e ti fermi a guardare le facce degli Italiani d’Argentina e pensi ai fiumi che riversano le lacrime dei vecchi tangueri in mare.
E capisci che insieme a loro ci sei tu seduto su un vecchia sedia di legno a guardare le gambe delle ragazze con i tacchi alti e il futuro incerto.
Ballano atroci sui tuoi anni.
Sono fatte di carta, mannaggia!
Peggio per me!

Ivano Fossati – Italiani d’Argentina

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...