Il male su meetale

Pubblicato: 12 settembre 2014 in mEEtale

Il racconto per il contest di Magla è adesso su meetale qui:

Il male su meetale

Lo trovate in PDF, EPUB, MOBI gratuito.

Oppure lo leggete qui:

La porta cigolò, risvegliando una qualche
attenzione nell’uomo e ricordando anche a me che in quello spazio – costretto –
nonostante tutto esistevo.

Facile al secondino, che ogni giorno visitava
la cella, elaborare la sua opinione. Facile anche per voi che ignorate la
realtà – se esiste – di quella come di ogni altra giornata.

Facile!

Difficile è invece comprendere senza
ricorrere ad un dubbio assolutorio. Difficile perché anch’io non ho cognizione
del motivo del mio interesse per quel posto. Come non ha senso che proviate a
chiedere cosa mi aveva attratto di lei, tanto da uscire da questa asfissia di
buio profondo. È successo e tanto basta.

Lei!

Era solo un mucchietto di speranze lei, per
un futuro che ho visto interrompere, di colpo, con le mani e con la durezza del
legno. Uno, due, dieci, cento colpi male assestati. E agonia lenta osservata
tra le lacrime – mie e sue – in una gelida coreografia di sangue e schegge di
ossa e di esistenze, frantumate. Io e lei, pari nell’assenza di vita. Quasi una
morte.

Quasi!

Il secondino parlava con la solita voce roca.
Lo conosceva da una vita l’uomo in apparenza immerso nel sonno, ricoverato
sotto la coltre di lana grigia. Gli era rimasto solo quel succedaneo onirico di
libertà, e quel suo adesso lo impiegava nella veglia e nella carezza amorevole
alla spranga. Si era scorticato le mani per giorni, celandole dentro le tasche
della tuta logora. Per ogni piaga una scheggia della saldatura volata via;
frammento dopo frammento il pezzo di metallo aveva ceduto, lasciando meno
solida la brandina. Giorno dopo giorno, ora dopo ora. Poi, poi…

Crack!

Il rumore di un cranio che si sgretola ha in
sé un messaggio, preannuncia un silenzio. La chiamate attività cerebrale,
quella che d’un tratto si ferma. Lei, nella posizione fetale, sembrava stupita
da quel rumore, da quella lacerazione della dura madre ferita a morte. Ho
sempre percepito stupore nelle vittime, forse perché mi avevano immaginato come
lontano e semplificabile, e solo nel momento della fine si erano realmente
accorte di me. Credevano di avere una precisa idea di dove e cosa fossi: le
seguivo non osservato e nascosto in vite definibili come normali e congrue con
le loro sicurezze.

Già!

L’uomo e il secondino erano stati amici.
Almeno finché il ripetersi dell’incontro dei loro volti non aveva strappato via
il velo che impediva loro la vista. L’uomo aveva avvertito qualcosa simile ad
una verità e iniziato a pianificare l’odio. Lo aveva distillato dalle parole,
dalle allusioni, da vecchie coincidenze e dal ricordo di una sera ormai troppo
lontana. Fino ai suoi ultimi istanti di vita non ho creduto avesse un motivo
per quel sangue che andava colorando il pavimento della cella. Un liquore rosso
che non trasportava più vita, era solo colore e desiderio di guardare
nuovamente un cielo e ascoltare le chiacchiere insulse delle donne al mercato.

Libertà!

Il secondino a terra avvertì invece la mia
essenza. Percepì che, lento come nella scena di un film, inquadravo silenzioso
il suo volto sfigurato perdere espressione, giravo intorno al corpo, aspettando
la smorfia stupita che mille volte avevo visto nei volti del fine vita. Forse
pensava che quella fosse una giusta punizione, sanzione necessaria per le
schegge di ossa, di metallo e di legno, per la brutalità che la sua mano aveva
impresso alla mazza proiettando fiotti di sangue, umori scuri di interiora e
frammenti di denti e preghiere. Schegge di lei.

Dio mio!

Il secondino aveva pensato a tutto: attività
cerebrale la chiamate quella che gli suggerì di rubare l’auto dell’uomo. Si
frequentavano da una vita i due, e da sempre conosceva quella casa e il posto
delle chiavi. L’uomo le aveva cercate per un giorno intero e l’indomani
ritrovate al loro posto, nello stesso istante in cui passavano in TV le
immagini di lei ricoperta dal lenzuolo. Eppure aveva cancellato quel momento,
recuperandolo solo troppo tardi, quando le analisi avevano dato il loro
verdetto; dicevano che le schegge di tutto il frantumabile presente sulla scena

del delitto erano ovunque in macchina. E poi la moglie non era in casa quella
sera e le gomme avevano inciso il loro passaggio sulla strada maledetta. Non
gli rimase che silenzio e rassegnazione dopo le parole gelide del giudice.

Silenzio!

L’uomo correva nel corridoio gremito di
sbarre arrugginite e uomini spenti dalla pena. Correva e lo sapeva che l’agente
di guardia aveva una buona mira e lui nessuno scampo. Lo sapeva ma correva lui
incontro al proiettile con la spranga sporca di sangue in mano. Lo guardai
precipitare, conscio che quella più che fuga era suicidio, e forse proprio
questo a suo modo era scappare: farsi fermare dal colpo, estinguere la non vita
tinta dal sangue di lei e dell’amico secondino che tanto si era prodigato
falsamente in quei dieci anni.

Poi buio!

A questo penso, mentre fuoco e tenebra
invadono la galleria. Intorno a me, schegge di metropolitana e di uomini e
donne, vomitano morte su altri uomini e donne. Dell’epicentro di fuoco
ricorderò gli occhi del ragazzo. Brillavano come l’innesco dell’esplosivo nello
zainetto. Solo un attimo dilatato nel buio del vagone in deflagrazione, solo
l’istante per rendere chiaro come un frammento di me si fosse infitto in ognuno
dei passeggeri attoniti per quella inattesa pantoclastia. Ma tranquilli, non
avvertirò mai una qualche sensazione mentre vengo espulso dalle vostre viscere
in mezzo alla tempesta di schegge di vita e di morte proiettate nelle direzioni
casuali dalla fisica dell’esplosione.

Poi luce!

Poco distante da quello che rimane della sua
casa un bimbo coperto di polvere bianca di maceria cerca qualcosa o qualcuno. È
solo, perché il caso lo ha voluto dalla parte sbagliata del confine. Ha
ingoiato schegge di guerra e di paura. E dentro di lui io sono già virus, cupo
e silente sino alla prossima esplosione.

Io solo di me ho in fondo paura.

Solo di me e del mio nome.

Solo di me, che sono il male.

Scopri istella, il nuovo motore per il web italiano.
Istella garantisce risultati di qualità e la possibilità di condividere, in modo semplice e veloce, documenti, immagini, audio e video.
Usa istella, vai su http://www.istella.it?wtk=amc138614816829636

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...