Prendiamo i voti – parte seconda

Pubblicato: 20 giugno 2014 in Palindromi

L’enorme portone si richiuse con un frastuono di legno e ferro. Almeno l’ingresso era fresco, benedetto nella afosa calura di quel fine giugno. I due lemmi lemmi iniziarono a salire le scale, discutendo di qualcosa che lasciava sulle loro facce una scia di perplessa incredulità.
Quello con il pizzetto si sistemava ad ogni scalino la chioma e borbottava in un misto di siculo-toscano qualcosa.
«Ma da dove mi venne di dire o trenta o i voti?»
«Giuse’, io te lo dicevo, piano con quella birra, piano. Ma secondo me fu il Panizzardi. Qualche scherzo dei suoi… E ora siamo qua. Guarda o lui o La Franca. Che poi che ti veniva e mettergli quel pezzo di Baglioni che gli piaceva? O qualche sortilegio delle tre Daniele.»
«Marco, ma alla fine siamo sicuri che non c’era alternativa? Voglio dire abbiamo tentato tutto per tornarcene a casa?»
«Senti non è che mi devi fare bestemmiare ora? Quella tizia, come si chiamava Deb? Quella te lo diceva cantami The Final Countdown e vi faccio tornare a casa. C’era bisogno di farla assicutare da un’Araba Fenice?»
«Certo, tanto coi capelli cotonati alla Joy Tempest ci andavo io in giro per Lucca!»
«Tu! Perché io conciato da Pirandello in bianco e nero, bello sono! Un figurino! Va, va…»
«Senti è inutile che litighiamo, io so solo che un attimo prima stavamo salutando. Poi ho detto quella cosa del voto o dei voti e un attimo dopo eravamo vestiti da idioti in un viottolo di campagna.»
«No scusa, da idiota tu semmai, a me la calzamaglia a strisce mi piace. Mi fa tanto Glam Metal anni ’80. Almeno questo! Speriamo almeno che fu giusto scegliere questi Trappisti A. Io avrei scelto i Trappisti B! Non lo so, ma quello non mi pareva un monaco d’agostiniano vero. Questo fatto che per noi è l’anno della A ok, ma c’è qualcosa che non mi ha convinto.»
«In effetti troppo catanese come accento, troppo!»
Sulla sommità delle scale comparve un monaco con una bella barbetta e gli occhiali.
«Ma bene, bravi vi s’aspettava. Io so’ padre Gabriele, presid… ehm priore del convento dei Trappisti Astemi.»
«A che?» fecero in coro i due.
«Astemi! Perché?»
Quello brizzolato con gli occhiali emise un flebile «no, per saperlo invece Trappisti B sta per?»
«Birrai, Trappisti Birrai! Brava persona Padre La Cava il loro priore»
Giuseppe, quello bello col pizzetto, tentò disperatamente la fuga, invano; una forza misteriosa gli impediva di scendere quelle scale verso il portone.
Padre Gabriele rideva sguaiatamente: «e dove pensate di fuggire? N’è manco lunedì!»
Da una porticina sbucò fuori un tipetto tutto sporco di farina con un forte accento americano e la sciarpa del Palermo al collo. Padre Gabriele ebbe appena il tempo di dire: «o che tu fai Frate Johnny?». E i due si ritrovarono a correre dentro uno stretto cunicolo dietro al frate pizzaiolo emigrante. Ad un certo punto videro una luce in fondo al cunicolo sempre più vivida. E dentro la luce una figura di donna che li attendeva.
«Veloci forza» – li incitò la donna – «per fortuna vostra, Johnny vi a portato sino a me, la Fata Del Vento». Lei prese un foglio, scrisse sopra dei versi e intimò loro di recitarli tutti d’un fiato.
E così finalmente si ritrovarono fuori, salvi.

La donna terminò di leggere gli appunti presi durante la seduta.
«E questo vi è successo ad entrambi? Nello stesso momento?» – disse la dottoressa Cedro guardandoli dietro gli occhiali fucsia.
«Sì!» – dissero in coro i due disgraziati, stesi sui lettini di pelle rossa – «dottoressa è grave?»
«Non lo so! È un chiaro caso di Sindrome Palindroma, ad oggi incurabile. Ma con il tempo, gli anni… Forse!»

Ad oggi i due condividono una cella in un famoso centro di recupero mentale. Passano il tempo giocando a carte. Parlano poco. Ogni tanto quello brizzolato con gli occhiali alza lo sguardo e dice «alle carte t’alleni nella tetra cella». E allora quello col pizzetto si ravvia la chioma rispondendo «poter essere pelato totale per essere top»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...