Secondo me…

Pubblicato: 28 maggio 2014 in Uncategorized

Adesso tutti addosso a M5S.
Come se dai sacri confini, barbari a cavallo di un caval abbiano invaso il patrio suol al suon di vaffa a tutti. E i poveri italioti colti nottetempo nelle loro umili ma confortevoli casupole, terrorizzati in preda al panico.
No, non è andata così, la politica italiana ha ridotto, questo paese sotto il limite della decenza. Gli italioti hanno divorato se stessi ed i loro figli eleggendo inutili idioti che hanno in questi vent’anni modificato il numero d’ordine della repubblica da una a tre lasciando immutato e immutande il panorama generale.
L’assenza di morale e di etica in tutti (tutti perché non è che la minoranza del PD che ora fa lezioni di morale poteva pensare che Greganti si era convertito e preso i voti nelle suorine di San Vincenzo!) i partiti è stata tollerata, turandosi il naso fino all’asfissia. Anzi fino all’eutanasia.

Poi arriva Grillo che fa quello che in molti esasperati volevano fare: dire un sacco di parolacce a questi signori prezzolati. È evidentemente pericoloso provare a spolverare i balconi su piazza Venezia. Questi balconi si murano e le piazze si tengono pulite e se noti assembramenti devi chiedere subito che succede e portare tutti a casa al caldo.
E invece il banchetto è continuato, il balcone spalancato, la piazza riempita, le parolacce intensificate e intere generazioni hanno visto dissolversi i loro diritti. Intanto al Pd discutevano della teoria del conflitto d’interessi, al Pdl della sua pratica, i riformisti parlavano di Papi e di papi, i conservatori della festa di diciotto anni di Ruby. La struttura produttiva italiana veniva smantellata e i cattivi tedeschi culoni ci mandavano le veline con su scritto vaffanculo.

Poi un quarto degli elettori quella stessa velina l’hanno recapitata in parlamento ed allora tutti a dire che non si fa così in un paese democratico, che le istituzioni vanno rispettate. Rileggete per favore le grandi imprese di Pd e Pdl ed ammenicoli e spiegatemi cosa hanno questi signori di rispettabile. Ma per carità bisogna parlare con costoro democraticamente, bisogna dialogare. Scusate ma per mia curiosità ma rileggendo i nomi degli eletti, con questi voi ci andreste un fine settimana in vacanza (magari per par condicio escludiamo la Boschi e la Minetti)? Gli lascereste in custodia un cane morto? No perché io no. E soprattutto di cosa e come parlereste con questi. Paroline dolci del tipo caro mio politico,democraticamente eletto non è che ti sposteresti leggermente dalle balle, specie le signore con i tacchetti a spillo, sapete, fanno maluccio. A dire il vero evidentemente agli italioti cianotici con il naso turato sono andati bene per vent’anni.

Ecco, M5S e Grillo non sono barbari che hanno invaso le frontiere, sono italiani che hanno preso aria dal naso. Se sono scompostamente rozzi la causa è la villania della politica da naso turato. Se non sono democratici è per l’assenza di democrazia dei partiti democratici.

Ora in tanti si sono spaventati dei toni. Il balcone di piazza Venezia è pieno pieno e quindi proviamo a dare fiducia al piccolo duce dal tranquillizzante accento fiorentino. Per carità almeno qualche faccia nuova si è vista, qualche timido tentativo si registra. Ma ancora una volta dico, senza i barbari che dissetano i cavalli in San Pietro cosa ci sarebbe stato di tutto ciò?

Ergo rivendico ancora una volta la scelta perplessa, ma ragionata, di mandare in parlamento i 5S. Io poi ho pure avuto la possibilità di eleggere un mio collega che vi posso assicurare si è impegnato per le attività produttive. Almeno per spiegarci cosa diavolo sta succedendo a Roma. Penso anche io che è un movimento pericoloso in quanto caotico, ma necessario per riportare quei pochi ragionanti in parlamento. Poi ci sono le scie chimiche e tanto folklore, ma non fatemi ricordare le pietre di paragone di PD e PDL che spingerebbero anche i seguaci di San Francesco, prepotentemente, a fondare un partito neonazista.

Mi rendo conto che come posizione sull’Europa M5S è stato troppo caotico, ma invece di festeggiare la vittoria, nei panni dei puri attivisti PD mi ricorderei che forse la spinta violenta dei 5S ha originato anche il piccolo cambiamento, e che il PD è più simile alla DC, per cui tutta la filosofia Civati mi sembra un tentativo interessante di arrampicarsi sugli specchi. La spinta progressista manca, al di là delle belle donne e degli slogan. Fare la battaglia sui treni che arrivano in orario è fuori tempo massimo. Anche in Uganda questo succede, se da noi no non possiamo pensare che sia un tema innovativo. Civati mi sta simpatico, ma nel PD non c’entra niente perché probabilmente è di sinistra. E anche per questo la sinistra non si schioda dal 4% di Tsipras. Perché non ha il coraggio di vedere il venti e passa per cento di M5S che sarebbe pure di sinistra e il 25% di non votanti che guardano questo sinistro perplessi e non sanno se chiamare la Croce Rossa o i Vigili. O tutti e due.
Una sinistra che non ha coraggio di rischiare non serve a nulla, altro che voto utile.

PS: sono mesi che non leggo più il blog di Grillo. Non è che prima lo facessi! E si vive benissimo lo stesso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...