L’ordine innaturale degli elementi – Barbara Buoso

Pubblicato: 15 febbraio 2014 in Libri

Caterina pensò al senso di quel colore, il viola, il colore della confessione e della morte; pensò che la riconciliazione avrebbe dovuto essere rappresentata da un altro colore, di festa, magari il bianco.
Quando ci si perdona è festa, pensò.

Io questo libro lo immaginavo così. Per questo mi ha sorpreso, perché non capivo dove Barbara avesse tratto questa spaventosa voglia di vita. E la risposta era la terra, la madre, incessantemente ed ineluttabilmente al centro della storia. La vera protagonista del libro. Né buona né cattiva, ma presente con i suoi suoni, i colori, gli odori.
Che Emma Dante abbia percepito la presenza della Madre è quindi naturale, anche se questa volta il suono delle voci era diverso dal suo siciliano.
È un altro dei libri che non vorrei fosse stato scritto, ma che è stato bello leggere. L’ultima frase è anche un augurio. La speranza che la guerra, come tutte le guerre, possa finire. Nonostante le macerie e le ferite che mai saranno realmente sanate.

Annunci
commenti
  1. Barbara Buoso ha detto:

    La guerra è finita.. mi pare sia una canzone. Direi cose scontate.. non si torna indietro da certe cose, son cazzoni quelli che dicono delle cicatrici..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...